Social media

La forza dei legami deboli

Correva l’anno 1973 quando Mark Granovetter, sociologo statunitense, scrisse “The strenght of weak ties”, ossia “La forza dei legami deboli”.

Secondo Granovetter, i legami deboli hanno l’abilità di unire comunità diverse, creando connessioni tra persone che si conoscono a malapena.

Quando parliamo di legami deboli, intendiamo conoscenze occasionali, amici di amici, persone conosciute in vacanza e poi dimenticate una volta giunti a casa, ex colleghi con i quali non si hanno più contatti.

I legami deboli danno accesso a informazioni estranee al gruppo sociale di appartenenza, dando vita a nuovi stimoli e idee.

Le persone generalmente hanno più conoscenti che amici. La forza dei legami deboli risiede proprio qui: tutti i conoscenti hanno a loro volta moltissimi legami deboli. Ciò significa che le potenzialità di espandere le proprie conoscenze e i propri orizzonti diventano infinite.

I momenti di incontro con altre persone, esterne alla propria cerchia, diventano uno scambio di idee e una fonte di ispirazione, e a volte possono rivelarsi delle vere e proprie occasioni.

La forza dei legami deboli
I legami deboli consentono di raggiungere un numero di persone superiori rispetto ai legami forti

I social network funzionano in parte allo stesso modo. Sicuramente su Instagram si seguono i propri amici e familiari, ma sempre più spesso si seguono persone che non si conoscono personalmente, ma che ci attraggono per i loro contenuti.

Tutte le immagini, i video, le storie che fruiamo, nascono da utenti spesso anche geograficamente lontani da noi. Eppure, quante volte cerchiamo in Instagram ispirazione su un outfit, su come arredare casa, sui luoghi da visitare?

I nostri profili social vivono e si alimentano di legami deboli, per questo motivo è importante scegliere con cura e attenzione gli utenti da seguire.

9 pensieri su “La forza dei legami deboli”

    1. Ne ho sentito parlare anche io per caso e ho avuto modo di rifletterci, ed effettivamente è vero. Io stessa spesso trovo ispirazione da semplici conversazioni avvenute per caso in treno, o da serate con amici di amici in cui ci si racconta esperienze diverse. Trovo sia una cosa molto bella 😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...